Caricamento

Cava

Scorri in basso

 

La storia conosciuta di questa cava inizia il 18 giugno del 1818 quando fu steso un contratto dal Notaio Pietro Bernardo Pisani tra il Conte Carlo Del Medico Staffetti e Michele e Gregorio Vanelli, il quale sanciva, sulla base dell’editto di Maria Teresa D’Este del 1° Febbraio 1751, la concessione in perpetuo a Michele e Gregorio Vanelli ed ai loro discendenti in linea mascolina, al diritto di escavazione in tutto il sito del Monte Bettogli. In questo modo la cava è arrivata in linea mascolina fino a Vanelli Giorgio, che ha potuto acquistare i diritti concessori e continuare ad escavare in base ai nuovi regolamenti degli Agri Marmiferi del 2001.

La Cava Bettogli “A”, attualmente escavata dalla Ditta VF MARMI srl, è situata in località Bettogli al n. 70 del Catasto Cave del Comune di Carrara, nel bacino di Torano. Si trova ad un’altezza di 500 metri circa s.l.m., nel versante settentrionale del Monte Bettogli.
La cava viene coltivata a “cielo aperto” con gradoni discendenti in direzione nord. Le lavorazioni avvengono utilizzando macchinari dell’ultima generazione, quali tagliatrici a catena, macchinette a filo diamantato, pale gommate ed escavatori cingolati.
Viene estratto Marmo Statuario, Statuario Venato, Venatino, Calacatta e Bardiglio.

La cava stessa, per ferma colontà della Famiglia Vanelli, si è dotata di un Sistema di Gestione Integrata in accordo alle Norme ISO 14001:2015 e ISO 45001:2018, per affrontare e gestire con un approccio volto al miglioramento continuo tutti gli aspetti inerenti i fattori ambientali significativi presenti in cava e quelli relativi alla sicurezza e salute dei propri addetti. Tale volontà è espressa formalmente dal documento di Politica Aziendale visionabile cliccando qua.